Seleziona una pagina

Tempo di lettura: 2′ e 49″

 

In questo articolo del Word Economic Forum (The 10 skills you need to thrive in the Fourth Industrial Revolution) sono indicate le 10 più importanti competenze trasversali che saranno richieste dal mondo del lavoro nel prossimo futuro.

Le competenze trasversali, o soft skills, sono caratteristiche della personalità che non sono strettamente collegate ad un ruolo professionale: ad esempio la capacità di lavorare in teamoppure l’abilità a parlare in pubblicosono competenze che vengono richieste da molteplici settori eterogenei tra loro.

L’attuale mondo economico ha attraversato negli ultimi dieci anni una crisi che più di tutte ne ha modificato sia i modelli di business che le proprie strutture organizzative interne. Uno dei collanti fondamentali che ha permesso alle imprese più lungimiranti di sopravvivere a questo tsunami è stato senza dubbio l’investimento sul proprio personale, sia a livello tecnico (hard) ma soprattutto a livello umano (soft).

Questo trend è tuttora in continua evoluzione e le imprese innovative investono oggi nella formazione delle competenze che, come riportato nell’articolo sopracitato, sono già le più richieste:

  • problem solving in situazioni complesse
  • pensiero critico
  • gestione delle persone
  • team working
  • intelligenza emotiva
  • decision making
  • orientamento al servizio
  • negoziazione e flessibilità cognitiva

Ecco di seguito 3 soluzioni efficaci di formazione esperienziale per allenare queste skills in Azienda:

1 – ATTIVITA’ DI VOLONTARIATO

Per migliorare il livello d’intelligenza emotiva e far crescere il senso di orgoglio ed appartenenza all’Azienda, è possibile coinvolgere e mobilitare i collaboratori in attività di volontariato aziendale. Esse rappresentano uno strumento che, se strutturato in modo corretto, garantisce:

  • un aumento del livello di empatia tra i collaboratori con il relativo accrescimento di consapevolezza di far parte di un gruppo
  • un’attività di teambuilding e teamworking finalizzata al raggiungimento di un obiettivo etico, che rafforza i legami attraverso l’esperienza in contesti completamente fuori della zona di confort
  • un lavoro individuale specifico che, con il supporto del coaching, diventa un vero e proprio valore aggiunto per lo sviluppo dell’orientamento al servizio

2 – CROSS TRAINING

La formazione attraverso un Cross Training pianificato, monitorato e seguito con i dovuti crismi, incrementa i livelli di collaborazione intra ed inter dipartimentali. Uno strumento esperienziale molto potente che purtroppo è spesso visto ed interpretato in maniera superficiale. Questo impedisce nella maggior parte dei casi di raccoglierne i reali benefici, che sono:

  • l’accrescimento del punto di vista percettivo dei collaboratori nei confronti dei colleghi, con il conseguente sostanziale ammorbidimento delle “guerre tra reparti” ed un aumento del livello di empatia tra gli stessi
  • un innalzamento del livello di know how e del sentimento di compartecipazione agli obiettivi aziendali, data la complessità cognitiva nell’affrontare un’esperienza “out of the box” 
  • lo sviluppo naturale di tecniche di negoziazione interna che impattano in modo positivo nel flusso comunicativo inter dipartimentale

3 – FORMAZIONE MANAGERIALE

“If Senior Management is the key, then Middle Management holds the key”

La formazione del Senior e del Middle Management è fondamentale per garantire la coerenza e la massima efficacia dello sviluppo delle soft skills in qualsiasi contesto aziendale. Per i Manager la sfida è oggi improntata sul “saper essere”. Come modelli di leadership, essi per primi devono esser in grado di esprimere genuinamente ciò che vogliono poi ottenere dai propri collaboratori. Parliamo di competenze quali ad esempio l’ascolto attivo, l’etica ed il senso di responsabilità. Tutte peculiarità che in un’aula difficilmente possono esser trasferite in modo efficace. Di seguito alcune soluzioni:

  • Attività di teambuilding finalizzate a raggiungere obiettivi di crescita specifici, e correttamente seguite da follow up individuali: ad esempio dei workshop di sopravvivenza, del paracadutismo o altre attività sportive di gruppo sono funzionali a consolidare skills come il decision making e il problem solving in situazioni complesse, ma rimangono fini a se stesse se non inserite in un più ampio programma aziendale
  • Il coaching on the job è un’altra forma esperienziale d’apprendimento, dove un professionista dello sviluppo personale costruisce con il Manager un percorso di feedback ed implementazione basato sull’osservazione dei comportamenti e sul raggiungimento di obiettivi chiari. Ad esempio, il miglioramento della qualità dell’ascolto e della gestione dei rispettivi team è facilmente migliorabile direttamente sul posto di lavoro
  • Il business coaching one to one è l’attività che più consolida e supporta tutta la struttura formativa aziendale. La formazione Manageriale è un investimento sul cuore e sulla chiave di volta di ogni impresa e va pianificata, valutata ed erogata con precisione chirurgica

Concludiamo riportando una citazione di Jack Ma, fondatore e presidente di Alibaba:

Il segreto per indirizzare in positivo la rivoluzione tecnologica in corso, ed evitare che l’intelligenza artificiale si trasformi in una minaccia per la sopravvivenza dell’umanità, sta soprattutto nella creatività e nello spirito di collaborazione. La creatività è la dote che ha sempre distinto gli esseri umani, aiutandoli ad affrontare i problemi e a sviluppare sempre meglio la nostra società. Anche in questo caso sarà necessaria, per trovare soluzioni innovative tanto sul lavoro, quanto nella vita quotidiana. La collaborazione è invece la chiave per mettere il progresso tecnologico al servizio degli uomini, invece che contro di essi, a partire ad esempio da un maggior coinvolgimento delle donne nella gestione delle imprese. Se la rivoluzione dell’intelligenza artificiale può rappresentare una minaccia, la via da seguire è appunto quella dell’intelligenza umana, per fare in modo che l’obiettivo di tutti sia usarla per migliorare le vite, invece di distruggerle.”  Fonte – La Stampa

Buona giornata,

Il Team di Ad Maiora Coaching & Training Studio